Ogni Scuola Connessa

STUDENTI DELLE UNIVERSITÀ PER LO SVILUPPO SOFTWARE

LaLiberaScuola | 28-09-2014 23:47

Il coinvolgimento degli studenti delle università nello sviluppo degli applicativi software distribuiti in licenza libera da usare a scuola, per mezzo di stage pre-laurea o sessioni pratiche incluse nei corsi.

Le università sono immensi contenitori di risorse umane che potrebbero essere impiegate a supporto della scuola stessa se debitamente orientate. Ciò permetterebbe inoltre l'avvicinamento e l'educazione al modello di sviluppo opensource, strumento utilissimo per i futuri operatori del settore informatico per fare esperienza sul campo e valorizzare le proprie capacità ancor prima del proprio ingresso nel mondo del lavoro.
Non dimentichiamoci anche degli studenti degli ITIS.
Lazza
2014-09-29 13:44
Non dimentichiamoci anche degli studenti degli ITIS.
Lazza
2014-09-29 13:44
Tante tesi degli studenti dei vari CdL in informatica e dintorni potrebbero vertere sullo sviluppo degli applicativi software distribuiti in licenza libera da usare a scuola.
AndreasFormiconi
2014-10-30 11:08
Tante tesi degli studenti dei vari CdL in informatica e dintorni potrebbero vertere sullo sviluppo degli applicativi software distribuiti in licenza libera da usare a scuola.
AndreasFormiconi
2014-10-30 11:08
Assolutamente d'accordo, spesso nelle università e negli iti si producono software poi non usati, e nel caso di licenze non corrette non usabili. Nel gruppo wiildos più volte avremmo avuto bisogno di aiuto: Opensankorè, Ardesia, wiidynamic .
mattruffoni
2014-11-01 07:45
Assolutamente d'accordo, spesso nelle università e negli iti si producono software poi non usati, e nel caso di licenze non corrette non usabili. Nel gruppo wiildos più volte avremmo avuto bisogno di aiuto: Opensankorè, Ardesia, wiidynamic .
mattruffoni
2014-11-01 07:45
Aggiungo che, va bene lo sviluppo e il miglioramento di applicativi per la scuola ad opera degli studenti ITIS o universitari, ma tutto non può non tenere conto dei bisogni degli insegnanti e dei loro alunni.
Proporrei un lavoro degli studenti in collaborazione con gli insegnanti che poi di questi applicativi devono fare uno strumento educativo - didattico. Diciamo sviluppare applicativi e contemporaneamente dotarli di attività didattiche da provare in classe.
MartinaPalazzolo
2014-11-08 17:46
Aggiungo che, va bene lo sviluppo e il miglioramento di applicativi per la scuola ad opera degli studenti ITIS o universitari, ma tutto non può non tenere conto dei bisogni degli insegnanti e dei loro alunni.
Proporrei un lavoro degli studenti in collaborazione con gli insegnanti che poi di questi applicativi devono fare uno strumento educativo - didattico. Diciamo sviluppare applicativi e contemporaneamente dotarli di attività didattiche da provare in classe.
MartinaPalazzolo
2014-11-08 17:46
Pienamente d'accordo!!!
RobertoBergonzini
2014-11-09 03:19
Pienamente d'accordo!!!
RobertoBergonzini
2014-11-09 03:19
Così le energie vengono ridistribuite per creare altre risorse a disposizione di tutta la scuola
paolo.mauri
2014-11-10 23:02
Così le energie vengono ridistribuite per creare altre risorse a disposizione di tutta la scuola
paolo.mauri
2014-11-10 23:02
Anche degli studenti delle aree umanistiche!
Susanna.Seghini
2014-11-15 21:44
Anche degli studenti delle aree umanistiche!
Susanna.Seghini
2014-11-15 21:44

Le risposte più popolari

  • Lazza

    29-09-2014    |    13:44