Pensiero computazionale

PROPOSTA DI CURRICULUM (RILEGGENDO IL CURRICULUM INGLESE IN VIGORE DAL SETTEMBRE 2014)

BarbaraDemo | 03-11-2014 19:06

Per una nuova presenza dell’informatica nella scuola è da considerarsi un riferimento il curriculum nazionale inglese entrato in vigore nelle scuole di ogni livello e tipo dal settembre 2014.
Riguardo un possibile curriculum per la scuola italiana, riletto il curriculum inglese, molte sono state le discussioni con colleghi ed insegnanti da anni impegnati nel diffondere l'informatica nella scuola: qui una prima proposta.

Barbara Demo, Dip. di Informatica, Università di Torino
coordinatrice Gruppo di lavoro Informatica e scuola del GRIN
 
Supporto questa proposta come coordinatore, con Giorgio Ventre dell'Univ. Federico II di Napoli, del gruppo di lavoro GRIN (Gruppo Docenti Universitari di Informatica) e GII (Gruppo Docenti Universitari di Ingegneria Informatica) sulla scuola primaria e secondaria di primo grado e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).

Enrico Nardelli, Univ. Roma "Tor Vergata"
 
EnricoNardelli
2014-11-04 12:14
Supporto questa proposta come coordinatore, con Giorgio Ventre dell'Univ. Federico II di Napoli, del gruppo di lavoro GRIN (Gruppo Docenti Universitari di Informatica) e GII (Gruppo Docenti Universitari di Ingegneria Informatica) sulla scuola primaria e secondaria di primo grado e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).

Enrico Nardelli, Univ. Roma "Tor Vergata"
 
EnricoNardelli
2014-11-04 12:14

Supporto questa proposta come coordinatore, con Enrico Nardelli  dell'Univ. di Roma Tor Vergata, del gruppo di lavoro GRIN (Gruppo Docenti Univ. di Informatica) e GII (Gruppo Docenti Univ. di Ingegneria Informatica) sulla <strong>scuola primaria e secondaria di primo grado</strong> e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).
Giorgio Ventre, Univ. di Napoli Federico II
 
giorgioventre
2014-11-04 16:49

Supporto questa proposta come coordinatore, con Enrico Nardelli  dell'Univ. di Roma Tor Vergata, del gruppo di lavoro GRIN (Gruppo Docenti Univ. di Informatica) e GII (Gruppo Docenti Univ. di Ingegneria Informatica) sulla <strong>scuola primaria e secondaria di primo grado</strong> e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).
Giorgio Ventre, Univ. di Napoli Federico II
 
giorgioventre
2014-11-04 16:49
Indubbiamente i programmi inglesi sono tra i più moderni ed avanzati e rivelano anni di ricerca pedagogica sul tema del digitale
Non posso che sottoscrivere anche perché ho partecipato personalmente alla stesura della bozza 
arabbone
2014-11-04 18:58
Indubbiamente i programmi inglesi sono tra i più moderni ed avanzati e rivelano anni di ricerca pedagogica sul tema del digitale
Non posso che sottoscrivere anche perché ho partecipato personalmente alla stesura della bozza 
arabbone
2014-11-04 18:58
La proposta è valida: riconosce l'importanza del pensiero computazionale (su cui ho scritto la tesi) e propone tutta una serie di attività che vanno oltre la semplice risoluzione di esercizi (come detto: un valido aiuto per iniziare e per gli insegnatni che non hanno competenze specifiche), ma permettono di stimolare la creatività, con la costruzione di software originale.
Michael Lodi, laureato in Informatica a Bologna.
MichaelLodi
2014-11-04 20:29
La proposta è valida: riconosce l'importanza del pensiero computazionale (su cui ho scritto la tesi) e propone tutta una serie di attività che vanno oltre la semplice risoluzione di esercizi (come detto: un valido aiuto per iniziare e per gli insegnatni che non hanno competenze specifiche), ma permettono di stimolare la creatività, con la costruzione di software originale.
Michael Lodi, laureato in Informatica a Bologna.
MichaelLodi
2014-11-04 20:29
Ho letto con interesse il documento pubblicato da Barbara Demo "Riflessioni per un possibile curriculum nella scuola italiana (traendo ispirazione dal curriculum inglese in vigore dal settembre 2014)" e concordo con l'impostazione.

Penso che si dovrebbero rivedere le "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione" per far spazio all'introduzione dell'informatica come disciplina.
AugustoChioccariello
2014-11-04 21:49
Ho letto con interesse il documento pubblicato da Barbara Demo "Riflessioni per un possibile curriculum nella scuola italiana (traendo ispirazione dal curriculum inglese in vigore dal settembre 2014)" e concordo con l'impostazione.

Penso che si dovrebbero rivedere le "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione" per far spazio all'introduzione dell'informatica come disciplina.
AugustoChioccariello
2014-11-04 21:49
Proposta  fondamentale da estendere, nel transitorio, alla formazione degli insegnanti, sopratutto riguardo la natura scientifica dell'informatica. 

Per le competenze relative all'alfabetizzazione del web il gruppo di Mozilla ha sviluppato una serie di badge  https://webmaker.org/resources dove sono ben chiare le competenze da sviluppare e come svilupparle. 

 
brapacc
2014-11-05 06:15
Proposta  fondamentale da estendere, nel transitorio, alla formazione degli insegnanti, sopratutto riguardo la natura scientifica dell'informatica. 

Per le competenze relative all'alfabetizzazione del web il gruppo di Mozilla ha sviluppato una serie di badge  https://webmaker.org/resources dove sono ben chiare le competenze da sviluppare e come svilupparle. 

 
brapacc
2014-11-05 06:15
Concordo. Mi sembra questa la direzione in cui procederer anche per le fasi 3 e 4. Giusta la scelta - giá adottata nel Syllabus del 2010 - di indicare in parallelo sia l'uso degli strumenti (qui TD) che gli elementi di informatica (qui PC). Con un'enfasi da porre sui secondi perché quelli che sono stati generalmente piú trascurati.
Da rivedre alcuni dei Learning Outcome perché l'uso di espressioni come "capire" non indicano un risultato verificabile.
Ravotto
2014-11-07 16:21
Concordo. Mi sembra questa la direzione in cui procederer anche per le fasi 3 e 4. Giusta la scelta - giá adottata nel Syllabus del 2010 - di indicare in parallelo sia l'uso degli strumenti (qui TD) che gli elementi di informatica (qui PC). Con un'enfasi da porre sui secondi perché quelli che sono stati generalmente piú trascurati.
Da rivedre alcuni dei Learning Outcome perché l'uso di espressioni come "capire" non indicano un risultato verificabile.
Ravotto
2014-11-07 16:21
 Credo che che un buon curriculum vada supportato da  adeguate iniziative di formazione dei docenti; finora molte lodevoli iniziative si sono basate essenzialmente  sull'impegno dei singoli docenti  sparsi a macchia di leopardo nel nostro panorama scolastico . Non dobbiamo disperdere il valore aggiunto fornito dalla possibilità di collaborare  offerto dalla tecnologia che potrebbe coinvolgere quei docenti motivati che non si sentono preparati.
 
MarisaAimaro
2014-11-09 15:47
 Credo che che un buon curriculum vada supportato da  adeguate iniziative di formazione dei docenti; finora molte lodevoli iniziative si sono basate essenzialmente  sull'impegno dei singoli docenti  sparsi a macchia di leopardo nel nostro panorama scolastico . Non dobbiamo disperdere il valore aggiunto fornito dalla possibilità di collaborare  offerto dalla tecnologia che potrebbe coinvolgere quei docenti motivati che non si sentono preparati.
 
MarisaAimaro
2014-11-09 15:47
Quello qui indicato è il miglior modo per dare metodo e sviluppare forme di apprendimento attivo con il coinvolgimento diretto degli alunni. L'entusiasmo con cui verrà accolto dai destinatari delle azioni educative farà da molla a una didattica più partecipata. Questo è ciò che sperimentiamo giorno dopo giorno anche in Albosaggia (So) come si vede dal nostro diario http://sperimentata.blogspot.it 
SergioCasiraghi
2014-11-09 16:13
Quello qui indicato è il miglior modo per dare metodo e sviluppare forme di apprendimento attivo con il coinvolgimento diretto degli alunni. L'entusiasmo con cui verrà accolto dai destinatari delle azioni educative farà da molla a una didattica più partecipata. Questo è ciò che sperimentiamo giorno dopo giorno anche in Albosaggia (So) come si vede dal nostro diario http://sperimentata.blogspot.it 
SergioCasiraghi
2014-11-09 16:13
Supporto questa proposta.

M.C. Brocato 
ISIS "A.Malignani"
Udine
Maria Concetta Brocato
2014-11-09 16:29
Supporto questa proposta.

M.C. Brocato 
ISIS "A.Malignani"
Udine
Maria Concetta Brocato
2014-11-09 16:29
Collaboro nel progetto Programma il Futuro, come moderatore delle bacheche.
Nel confronto con alunni e colleghi, c'è molto entusiasmo. 
Bisogna lavorare in questa direzione, adottando curricula dell'infanzia e del primo ciclo aderenti al Pensiero Computazionale, così come già accade in altri paesi.
Condivido, quindi, la proposta della prof.ssa Barbara Demo.

Francesco Picca
IISS Augusto Righi Taranto
FrancescoPicca
2014-11-09 19:14
Collaboro nel progetto Programma il Futuro, come moderatore delle bacheche.
Nel confronto con alunni e colleghi, c'è molto entusiasmo. 
Bisogna lavorare in questa direzione, adottando curricula dell'infanzia e del primo ciclo aderenti al Pensiero Computazionale, così come già accade in altri paesi.
Condivido, quindi, la proposta della prof.ssa Barbara Demo.

Francesco Picca
IISS Augusto Righi Taranto
FrancescoPicca
2014-11-09 19:14
Sto partecipando alle attività de "L'ora di codice" con la mie classi del biennio della scuola secondaria di secondo grado. Apprezzo l'iniziativa e le proposte correlate, secondo la mia modesta opinione, gli insegnanti di informatica della scuola secondaria potrebbero anche svolgere un ruolo di supporto ai colleghi della primaria.
Una frequentazione verticale non può che fare bene a tutti!
pfasce
2014-11-09 19:43
Sto partecipando alle attività de "L'ora di codice" con la mie classi del biennio della scuola secondaria di secondo grado. Apprezzo l'iniziativa e le proposte correlate, secondo la mia modesta opinione, gli insegnanti di informatica della scuola secondaria potrebbero anche svolgere un ruolo di supporto ai colleghi della primaria.
Una frequentazione verticale non può che fare bene a tutti!
pfasce
2014-11-09 19:43
Bella la proposta, bisognerebbe prevedere un piano di formazione per i docenti. Necessario sarebbe anche un investimento in tecnologia, ad oggi le Scuole Primarie hanno laboratori spesso provenienti da donazioni di strumenti obsoleti.
Le "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione" sono da cambiare.
edigamma
2014-11-09 20:08
Bella la proposta, bisognerebbe prevedere un piano di formazione per i docenti. Necessario sarebbe anche un investimento in tecnologia, ad oggi le Scuole Primarie hanno laboratori spesso provenienti da donazioni di strumenti obsoleti.
Le "Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione" sono da cambiare.
edigamma
2014-11-09 20:08
Condivido!!!
antonio.polito
2014-11-09 21:05
Condivido!!!
antonio.polito
2014-11-09 21:05
Supporto questa proposta!
Aggiungerei che se si ripristinassero le tre ore settimanali per l'insegnamento di Tecnologia nella Scuola secondaria di 1° Grado, sarebbe di nuovo possibile dedicare un'ora settimanale all'insegnamento dell'informatica!
ProfDeGiglio
2014-11-09 22:34
Supporto questa proposta!
Aggiungerei che se si ripristinassero le tre ore settimanali per l'insegnamento di Tecnologia nella Scuola secondaria di 1° Grado, sarebbe di nuovo possibile dedicare un'ora settimanale all'insegnamento dell'informatica!
ProfDeGiglio
2014-11-09 22:34
Proposta molto interessante, la supporto totalmente.
Andrea Zuppa
AndreaZuppa
2014-11-10 09:17
Proposta molto interessante, la supporto totalmente.
Andrea Zuppa
AndreaZuppa
2014-11-10 09:17
La velocità dell'informazione attraverso la rete e l'uso di strumenti informatici alla portata di tutti ci impone un cambiamento proprio nelle modalità di trasferimento della stessa "informazione"che rende in parte obsolete le metodologie utilizzate negli ultimi dieci anni.E' facile constatare che al giorno d'oggi anche un bambino di soli tre anni ha una dimestichezza con questi strumenti a dir poco eccezionale.
VittoriaD'aquila
2014-11-10 10:09
La velocità dell'informazione attraverso la rete e l'uso di strumenti informatici alla portata di tutti ci impone un cambiamento proprio nelle modalità di trasferimento della stessa "informazione"che rende in parte obsolete le metodologie utilizzate negli ultimi dieci anni.E' facile constatare che al giorno d'oggi anche un bambino di soli tre anni ha una dimestichezza con questi strumenti a dir poco eccezionale.
VittoriaD'aquila
2014-11-10 10:09
La proposta è molto solida: sottolinea inoltre come si debba procedere in parallelo con pensiero computazionale (PC) e con tecnologie digitali (TD). TD senza PC-che è spesso è proposto (e che di fatto avviene con gli utenti autodidatti delle applicazioni)-vorrebbe dire esporsi alla rapida obsolescenza delle tecnologie e ad un loro uso inconsapevole delle implicazioni scientifiche, sociali e di cittadinanza. 
Simone Martini, Università di Bologna
SimoneMartini59
2014-11-10 10:35
La proposta è molto solida: sottolinea inoltre come si debba procedere in parallelo con pensiero computazionale (PC) e con tecnologie digitali (TD). TD senza PC-che è spesso è proposto (e che di fatto avviene con gli utenti autodidatti delle applicazioni)-vorrebbe dire esporsi alla rapida obsolescenza delle tecnologie e ad un loro uso inconsapevole delle implicazioni scientifiche, sociali e di cittadinanza. 
Simone Martini, Università di Bologna
SimoneMartini59
2014-11-10 10:35
Condivido la considerazione che nel "transitorio" si debba procedere per fasi e non per livelli scolastici. Ma mi auguro che il MIUR affronti da subito la questione di come integrare questi temi nelle "Indicazioni nazionali", per farli diventare al più presto uno degli ingredienti essenziali della formazione.
Simone Martini, Università di Bologna
SimoneMartini59
2014-11-10 10:38
Condivido la considerazione che nel "transitorio" si debba procedere per fasi e non per livelli scolastici. Ma mi auguro che il MIUR affronti da subito la questione di come integrare questi temi nelle "Indicazioni nazionali", per farli diventare al più presto uno degli ingredienti essenziali della formazione.
Simone Martini, Università di Bologna
SimoneMartini59
2014-11-10 10:38
Supporto in pieno questa proposta, interessante e ben costruita. E' fondamentale che si insegni l'informatica, sin dall'inizio, nelle sue componenti scientifiche e non come semplice competenza meccanica dell'utilizzo di macchinari con "bottoni da premere" per ottenere un risultato. 

Vittorio Scarano, Dipartimento di Informatica (Università di Salerno)
VittorioScarano
2014-11-10 12:30
Supporto in pieno questa proposta, interessante e ben costruita. E' fondamentale che si insegni l'informatica, sin dall'inizio, nelle sue componenti scientifiche e non come semplice competenza meccanica dell'utilizzo di macchinari con "bottoni da premere" per ottenere un risultato. 

Vittorio Scarano, Dipartimento di Informatica (Università di Salerno)
VittorioScarano
2014-11-10 12:30
Supporto la proposta di Barbara Demo con convizione ed entusiasmo. Mariangiola Dezani
dezani
2014-11-10 12:35
Supporto la proposta di Barbara Demo con convizione ed entusiasmo. Mariangiola Dezani
dezani
2014-11-10 12:35
Da anni il mio Dipartimento (Informatica Sapienza) svolge attività nelle scuole.  Fra l'altro, per un progetto particolarmente rivolto alle ragazze, ho trovato particolarmente efficace insegnare rudimenti di programmazione utilizzando MIT Appinventor.  Si tratta di un linguaggio visuale, che sfrutta la metafora del "puzzle": è semplice, intuitivo, e in pochi passi consente di realizzare subito qualcosa: giochi, App, animazioni, ecc
PaolaVelardi
2014-11-10 12:36
Da anni il mio Dipartimento (Informatica Sapienza) svolge attività nelle scuole.  Fra l'altro, per un progetto particolarmente rivolto alle ragazze, ho trovato particolarmente efficace insegnare rudimenti di programmazione utilizzando MIT Appinventor.  Si tratta di un linguaggio visuale, che sfrutta la metafora del "puzzle": è semplice, intuitivo, e in pochi passi consente di realizzare subito qualcosa: giochi, App, animazioni, ecc
PaolaVelardi
2014-11-10 12:36
 
DanieleTheseiderDupre
2014-11-10 12:37
 
DanieleTheseiderDupre
2014-11-10 12:37
Avendo seguito, tramite CINI e GRIN, il lavoro preparatorio della proposta, sono persuaso della sua validità e pertanto la supporto convintamente.
tullio.vardanega
2014-11-10 13:48
Avendo seguito, tramite CINI e GRIN, il lavoro preparatorio della proposta, sono persuaso della sua validità e pertanto la supporto convintamente.
tullio.vardanega
2014-11-10 13:48
Supporto questa proposta come responsabile dell' Istituto di Informatica del DiSIT, Universita'
del Piemonte Orientale
LuigiPortinale
2014-11-10 15:06
Supporto questa proposta come responsabile dell' Istituto di Informatica del DiSIT, Universita'
del Piemonte Orientale
LuigiPortinale
2014-11-10 15:06
Concordo in pieno con questa proposta, che risponde a pieno ad una necessita' imprescindibile per le prossime generazioni.
francobarbanera
2014-11-10 15:57
Concordo in pieno con questa proposta, che risponde a pieno ad una necessita' imprescindibile per le prossime generazioni.
francobarbanera
2014-11-10 15:57
Ritengo valida la proposta perchè  credo sia molto importante far capire che per imparare ad usare gli strumenti informatici in un modo intelligente e utile bisogna conoscere almeno i principi fondamentali del pensiero computazionale. Nella proposta mi sembra ci sia la giusta gradualità e il giusto livello di approfondimento per l' insegnamento dell'informatica per tutti.  
EmanuelaFachini
2014-11-10 17:01
Ritengo valida la proposta perchè  credo sia molto importante far capire che per imparare ad usare gli strumenti informatici in un modo intelligente e utile bisogna conoscere almeno i principi fondamentali del pensiero computazionale. Nella proposta mi sembra ci sia la giusta gradualità e il giusto livello di approfondimento per l' insegnamento dell'informatica per tutti.  
EmanuelaFachini
2014-11-10 17:01
La formazione di un pensiero computazione sin dalla scuola primaria costituisce una marcia in più per lo sviluppo intellettivo del bambino. Aiuta a riflettere e stimola al problem solving.
FrancescaPisana
2014-11-10 17:11
La formazione di un pensiero computazione sin dalla scuola primaria costituisce una marcia in più per lo sviluppo intellettivo del bambino. Aiuta a riflettere e stimola al problem solving.
FrancescaPisana
2014-11-10 17:11
Concordo in pieno con questa proposta
monicasebillo
2014-11-10 19:50
Concordo in pieno con questa proposta
monicasebillo
2014-11-10 19:50
Sostengo la proposta! Aiuta a riflettere, a organizzare e a programmare la propria azione in modo appassionate, stimola la curiosità e la partecipazione.
mariaangelacazzola
2014-11-10 20:25
Sostengo la proposta! Aiuta a riflettere, a organizzare e a programmare la propria azione in modo appassionate, stimola la curiosità e la partecipazione.
mariaangelacazzola
2014-11-10 20:25
Supporto questa proposta con grande entusiasmo,sto partecipando alle attività dell' Ora di Codice" con la mia classe di V della scuola Primaria. Apprezzo l'iniziativa  che aiuta tanto a riflettere, ed ho avuto modo di constatare che al giorno d'oggi i bambini hanno una dimestichezza con questi strumenti a dir poco eccezionale.
CarmelinaCimbalo
2014-11-10 21:08
Supporto questa proposta con grande entusiasmo,sto partecipando alle attività dell' Ora di Codice" con la mia classe di V della scuola Primaria. Apprezzo l'iniziativa  che aiuta tanto a riflettere, ed ho avuto modo di constatare che al giorno d'oggi i bambini hanno una dimestichezza con questi strumenti a dir poco eccezionale.
CarmelinaCimbalo
2014-11-10 21:08
La formazione di un pensiero computazione sin dalla scuola primaria costituisce una marcia in più per lo sviluppo intellettivo del bambino. Aiuta a riflettere e stimola al problem solving.
salvoianni
2014-11-10 22:51
La formazione di un pensiero computazione sin dalla scuola primaria costituisce una marcia in più per lo sviluppo intellettivo del bambino. Aiuta a riflettere e stimola al problem solving.
salvoianni
2014-11-10 22:51
E' importante che finalmente anche il nostro Paese comprenda il ruolo dell'informatica nella formazione delle strutture mentali di un individuo e le riconosca il ruolo di scienza e non solo di tecnica.
catlet57
2014-11-10 22:54
E' importante che finalmente anche il nostro Paese comprenda il ruolo dell'informatica nella formazione delle strutture mentali di un individuo e le riconosca il ruolo di scienza e non solo di tecnica.
catlet57
2014-11-10 22:54
Supporto questa proposta!!
IIS Ferraris Brunelleschi
Dip. Informatica
Empoli
VinDab
2014-11-10 23:15
Supporto questa proposta!!
IIS Ferraris Brunelleschi
Dip. Informatica
Empoli
VinDab
2014-11-10 23:15
Supporto in pieno questa proposta. E' fondamentale che si insegni l'informatica sin dalla scuola primaria.
cesarem
2014-11-11 06:52
Supporto in pieno questa proposta. E' fondamentale che si insegni l'informatica sin dalla scuola primaria.
cesarem
2014-11-11 06:52
Appoggio la proposta. da attuare sin dalla scuola PRIMARIA.
Emanuela Minetti
EmanuelaMinetti
2014-11-11 07:40
Appoggio la proposta. da attuare sin dalla scuola PRIMARIA.
Emanuela Minetti
EmanuelaMinetti
2014-11-11 07:40
Insegno informatica in un istituto tecnico da venti anni e da sempre sono convinta che l'aspetto culturale deve andare di pari passo con quello tecnologico. È il pensiero computazionale che consente di pensare in modo organizzato ed è la tecnologia che consente di realizzare concretamente pensieri creativi. Non posso che appoggiare la proposta!
lina.deriu
2014-11-11 08:24
Insegno informatica in un istituto tecnico da venti anni e da sempre sono convinta che l'aspetto culturale deve andare di pari passo con quello tecnologico. È il pensiero computazionale che consente di pensare in modo organizzato ed è la tecnologia che consente di realizzare concretamente pensieri creativi. Non posso che appoggiare la proposta!
lina.deriu
2014-11-11 08:24
concordo
nesi paolo 
itis avogadro (to)
pnesi
2014-11-11 09:07
concordo
nesi paolo 
itis avogadro (to)
pnesi
2014-11-11 09:07
Abbiamo gia' perdendo troppo tempo e risorse disperse tra LIM,  docenti di informatica improvvisati e programmi di studio che sono oscillano tra matematica applicata e corso pratico sull'uso di MS Office. Supportiamo tutti la proposta di Barbara Demo prima che sia troppo tardi!
GiuseppeSorce
2014-11-11 09:15
Abbiamo gia' perdendo troppo tempo e risorse disperse tra LIM,  docenti di informatica improvvisati e programmi di studio che sono oscillano tra matematica applicata e corso pratico sull'uso di MS Office. Supportiamo tutti la proposta di Barbara Demo prima che sia troppo tardi!
GiuseppeSorce
2014-11-11 09:15
Seguo da tempo la proposta inglese "Computing - A Curriculum for Schools" e le inziative code.org, ecc.
Ritengo fondamentale l'introduzione dell'algoritmica fin dalle elementari.

Complimenti e avanti in questa direzione.

Cesare Bottaro
Dipartimento di Informatica
ITIS Paleocapa Bergamo
cesarebottaro
2014-11-11 09:57
Seguo da tempo la proposta inglese "Computing - A Curriculum for Schools" e le inziative code.org, ecc.
Ritengo fondamentale l'introduzione dell'algoritmica fin dalle elementari.

Complimenti e avanti in questa direzione.

Cesare Bottaro
Dipartimento di Informatica
ITIS Paleocapa Bergamo
cesarebottaro
2014-11-11 09:57
I computer in classe non devono essere utilizzati per "addestrare" i segretari di domani ma per sviluppare le capacità progettuali e di problem solving. E' su queste cose che si vincerà la sfida nel mercato globale. Questa proposta va in questo senso e non può che essere condivisa.
PietroTamburrano
2014-11-11 10:21
I computer in classe non devono essere utilizzati per "addestrare" i segretari di domani ma per sviluppare le capacità progettuali e di problem solving. E' su queste cose che si vincerà la sfida nel mercato globale. Questa proposta va in questo senso e non può che essere condivisa.
PietroTamburrano
2014-11-11 10:21
concordo con la proposta per la completezza che i tre aspetti permetterebbero di raggiungere, al tempo stesso distinguendo chiaramente gli aspetti computazionali dall'ICT
alongheu
2014-11-11 10:35
concordo con la proposta per la completezza che i tre aspetti permetterebbero di raggiungere, al tempo stesso distinguendo chiaramente gli aspetti computazionali dall'ICT
alongheu
2014-11-11 10:35
Supporto in pieno questa proposta!!!
IISS "Sandro Pertini"
Genzano di Roma
RaffaelaPonzio
2014-11-11 15:22
Supporto in pieno questa proposta!!!
IISS "Sandro Pertini"
Genzano di Roma
RaffaelaPonzio
2014-11-11 15:22
Sostengo la proposta della prof.ssa Demo per introdurre il pensiero computazionale a partire dalla scuola primaria. Aiutiamo le future generazioni ad iniziare a pensare in maniera LOGICA e  CREATIVA. 
vito.diviggiano
2014-11-11 15:55
Sostengo la proposta della prof.ssa Demo per introdurre il pensiero computazionale a partire dalla scuola primaria. Aiutiamo le future generazioni ad iniziare a pensare in maniera LOGICA e  CREATIVA. 
vito.diviggiano
2014-11-11 15:55
Nella scuola italiana, in special modo nella primaria, l'informatica non è più una disciplina ma è diventata uno strumento operativo al pari del quaderno e della penna. Noi docenti non ne sappiamo sfruttare a pieno le potenzialità. Formare i docenti sarebbe una opportunità di crescita per docenti e alunni che porterebbe la scuola italiana e, di conseguenza, la società, ad un livello superiore di consapevolezza sull'uso delle nuove tecnologie.
soniaquinzi
2014-11-11 16:07
Nella scuola italiana, in special modo nella primaria, l'informatica non è più una disciplina ma è diventata uno strumento operativo al pari del quaderno e della penna. Noi docenti non ne sappiamo sfruttare a pieno le potenzialità. Formare i docenti sarebbe una opportunità di crescita per docenti e alunni che porterebbe la scuola italiana e, di conseguenza, la società, ad un livello superiore di consapevolezza sull'uso delle nuove tecnologie.
soniaquinzi
2014-11-11 16:07
Concordo pienamente con questa proposta che entra nel solco delle iniziative per liberare l’informatica dalla purtroppo radicata idea: informatica=strumento
DiegoZanga
2014-11-11 16:20
Concordo pienamente con questa proposta che entra nel solco delle iniziative per liberare l’informatica dalla purtroppo radicata idea: informatica=strumento
DiegoZanga
2014-11-11 16:20
Insegno informatica (sistemi e reti e scienze e tecnologie applicate) nel settore tecnologico (artic. informatica). Dove lavoro la proposta in questione è già in atto (automi a stati finiti - JFLAP programma open source per l'implementazione di macchine di Turing e altro, arduino a vari livelli, programmazione a oggetti in C# e sistemi WAMP per realizzare siti dinamici). Per molti informatica e office coincidono (sigh!) per cui la proposta è del tutto necessaria!
ClaudioMaracci
2014-11-11 16:48
Insegno informatica (sistemi e reti e scienze e tecnologie applicate) nel settore tecnologico (artic. informatica). Dove lavoro la proposta in questione è già in atto (automi a stati finiti - JFLAP programma open source per l'implementazione di macchine di Turing e altro, arduino a vari livelli, programmazione a oggetti in C# e sistemi WAMP per realizzare siti dinamici). Per molti informatica e office coincidono (sigh!) per cui la proposta è del tutto necessaria!
ClaudioMaracci
2014-11-11 16:48
Sostengo questa proposta perché convinto dell'importanza del pensiero computazionale nella cultura e nella società contemporanee, e perché questo aspetto così importante è oggi del tutto assente dalla scuola, salvo il caso di curricula specialistici in ICT.
UgodeLiguoro
2014-11-11 17:33
Sostengo questa proposta perché convinto dell'importanza del pensiero computazionale nella cultura e nella società contemporanee, e perché questo aspetto così importante è oggi del tutto assente dalla scuola, salvo il caso di curricula specialistici in ICT.
UgodeLiguoro
2014-11-11 17:33
Supporto tutto quello che avete detto!!
 
 
 
 
 
 
laprofdalle1000risorse
2014-11-11 17:49
Supporto tutto quello che avete detto!!
 
 
 
 
 
 
laprofdalle1000risorse
2014-11-11 17:49
Sostengo con convinzione questa proposta che fa finalmente emergere gli aspetti scientifici dell'informatica, troppo spesso confinati, purtroppo, quasi esclusivamente all'interno degli atenei.

Marco Bernardo
Università di Urbino
Dipartimento di Scienze di Base e Fondamenti
Sezione di Scienze e Tecnologie dell'Informazione
 
marco.bernardo
2014-11-11 17:59
Sostengo con convinzione questa proposta che fa finalmente emergere gli aspetti scientifici dell'informatica, troppo spesso confinati, purtroppo, quasi esclusivamente all'interno degli atenei.

Marco Bernardo
Università di Urbino
Dipartimento di Scienze di Base e Fondamenti
Sezione di Scienze e Tecnologie dell'Informazione
 
marco.bernardo
2014-11-11 17:59
Mi sembra buona
RobertaBroccolucci
2014-11-11 18:01
Mi sembra buona
RobertaBroccolucci
2014-11-11 18:01
Avendo avuto la possibilità di partecipare a conferenze internazionali sul tema del coding, ho potuto constatare come molti altri paesi europei ed extraeuropei si stiano muovendo in quella direzione da tempo con esperienze anche accolte e rilanciate a livello ufficiale. Ben venga quindi questa proposta.
Alberto Barbero
Docente presso IIS Vallauri, Fossano
Coordinatore gruppo Ricerca e innovazione, DSCHOLA Piemonte
Autore testi scolastici per Pearson Italia
 
alberto.barbero
2014-11-11 18:15
Avendo avuto la possibilità di partecipare a conferenze internazionali sul tema del coding, ho potuto constatare come molti altri paesi europei ed extraeuropei si stiano muovendo in quella direzione da tempo con esperienze anche accolte e rilanciate a livello ufficiale. Ben venga quindi questa proposta.
Alberto Barbero
Docente presso IIS Vallauri, Fossano
Coordinatore gruppo Ricerca e innovazione, DSCHOLA Piemonte
Autore testi scolastici per Pearson Italia
 
alberto.barbero
2014-11-11 18:15
Concordo, l'ho già scritto.
Aggiungo che per quanto riguarda gli istituti comprensivi AICA ha iniziato a muoversi da tempo su questo duplice filone: Tecnologie Digitali - TD (con la proposta Welcome ECDL ed ECDL) e Pensiero Computazionale - PC (con Welcome Logic e Logic): www.comprensividigitali.it
Ravotto
2014-11-11 20:10
Concordo, l'ho già scritto.
Aggiungo che per quanto riguarda gli istituti comprensivi AICA ha iniziato a muoversi da tempo su questo duplice filone: Tecnologie Digitali - TD (con la proposta Welcome ECDL ed ECDL) e Pensiero Computazionale - PC (con Welcome Logic e Logic): www.comprensividigitali.it
Ravotto
2014-11-11 20:10
Mi sembra ottima come proposta. Condivido pienamente che il concetto algoritmico e computazionale non può essere sviluppato in maniera trasversale attraverso altre discipline. L'Informatica da sempre si é imposta come una disciplina a se che attraverso la programmazione algoritmica riesce sempre a trovare ottime soluzioni a problemi proposti. Condividere questa proposta é categorico perché lo dobbiamo anche ad Alan Turing il pioniere del Pensiero Computazionale.
filippotrotta
2014-11-11 21:47
Mi sembra ottima come proposta. Condivido pienamente che il concetto algoritmico e computazionale non può essere sviluppato in maniera trasversale attraverso altre discipline. L'Informatica da sempre si é imposta come una disciplina a se che attraverso la programmazione algoritmica riesce sempre a trovare ottime soluzioni a problemi proposti. Condividere questa proposta é categorico perché lo dobbiamo anche ad Alan Turing il pioniere del Pensiero Computazionale.
filippotrotta
2014-11-11 21:47
Appoggio questa proposta con il suggerimento e la viva speranza e fiducia venga attuata già dalla scuola primaria..,
Mariangela Soleti
2014-11-11 21:48
Appoggio questa proposta con il suggerimento e la viva speranza e fiducia venga attuata già dalla scuola primaria..,
Mariangela Soleti
2014-11-11 21:48
Appoggio in toto la proposta.
elenalisabrunetti
2014-11-11 22:15
Appoggio in toto la proposta.
elenalisabrunetti
2014-11-11 22:15
Proposta interessante e lodevole
antonio.derosa
2014-11-11 23:10
Proposta interessante e lodevole
antonio.derosa
2014-11-11 23:10
Supporto questa proposta come CodeWeek ambassador per l'Italia, come docente universitario, come cittadino e come padre. Condivido gli obettivi formativi e ritengo utile riconoscerli e perseguirli insieme. CodeWeek ha dimostrato che la scuola italiana risponde con entusiasmo agli stimoli e non e' sola. Una volta tanto l'Italia e' partita con il piede giusto e non e' seconda a nessuno.
AlessandroBogliolo
2014-11-12 08:36
Supporto questa proposta come CodeWeek ambassador per l'Italia, come docente universitario, come cittadino e come padre. Condivido gli obettivi formativi e ritengo utile riconoscerli e perseguirli insieme. CodeWeek ha dimostrato che la scuola italiana risponde con entusiasmo agli stimoli e non e' sola. Una volta tanto l'Italia e' partita con il piede giusto e non e' seconda a nessuno.
AlessandroBogliolo
2014-11-12 08:36
Appoggio con convinzione la proposta
SilvanoRivoira
2014-11-12 12:11
Appoggio con convinzione la proposta
SilvanoRivoira
2014-11-12 12:11
mi sembra una cosa urgente da fare supporto questa proposta sulla scuola primaria e secondaria di primo grado e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).
PaoloNesi
2014-11-12 12:17
mi sembra una cosa urgente da fare supporto questa proposta sulla scuola primaria e secondaria di primo grado e del progetto "Programma del Futuro" del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica).
PaoloNesi
2014-11-12 12:17
Finalmente un'iniziativa che guarda lontano e punta sulle nuove generazioni per formare futuri cittadini capaci di vivere consapevolmente e attivamente non solo nel mondo di oggi, ma in quello di domani. Cerchero' di sostenerla in tutti i modi possibili. Questa iniziativa ci fa muovere al passo delle iniziative europee piu' avanzate.
carloghezzi
2014-11-12 12:18
Finalmente un'iniziativa che guarda lontano e punta sulle nuove generazioni per formare futuri cittadini capaci di vivere consapevolmente e attivamente non solo nel mondo di oggi, ma in quello di domani. Cerchero' di sostenerla in tutti i modi possibili. Questa iniziativa ci fa muovere al passo delle iniziative europee piu' avanzate.
carloghezzi
2014-11-12 12:18
Questa iniziativa è fondamentale per migliorare l'intera impostazione della scuola italiana e per diffondere il pensiero logico-scientifico, una premessa fondamentale perché i bambini possano avere la possibilità di diventare buoni cittadini. Impossibile non condividerla.
MauroIacono
2014-11-12 12:52
Questa iniziativa è fondamentale per migliorare l'intera impostazione della scuola italiana e per diffondere il pensiero logico-scientifico, una premessa fondamentale perché i bambini possano avere la possibilità di diventare buoni cittadini. Impossibile non condividerla.
MauroIacono
2014-11-12 12:52
Aderisco all'iniziativa convidendo pienamente le motivazioni riportate nella proposta. 
AngeloMarcelli
2014-11-12 13:18
Aderisco all'iniziativa convidendo pienamente le motivazioni riportate nella proposta. 
AngeloMarcelli
2014-11-12 13:18
Esistono attività nel privato come CoderDojo che hanno dimostrato l'utilità dell'informatica come gioco nello sviluppo del pensiero dei bambini. Non capisco perchè la scuola pubblica debba lasciare tali iniziative ai privati. In fondo, abbiamo speso un sacco di soldi delle nostre tasse per acquistare laboratori di informatica sostanzialmente inutilizzati. A quando l'uso di Scratch nelle elementari ?
MarioCapurso
2014-11-12 14:54
Esistono attività nel privato come CoderDojo che hanno dimostrato l'utilità dell'informatica come gioco nello sviluppo del pensiero dei bambini. Non capisco perchè la scuola pubblica debba lasciare tali iniziative ai privati. In fondo, abbiamo speso un sacco di soldi delle nostre tasse per acquistare laboratori di informatica sostanzialmente inutilizzati. A quando l'uso di Scratch nelle elementari ?
MarioCapurso
2014-11-12 14:54
In qualità di docente in un Liceo Scientifico ad indirizzo scienze applicate in cui il pensiero computazionale è fondamentale anche trasversalmente per le altre discipline...concordo pienamente con la proposta!
annap
2014-11-12 15:54
In qualità di docente in un Liceo Scientifico ad indirizzo scienze applicate in cui il pensiero computazionale è fondamentale anche trasversalmente per le altre discipline...concordo pienamente con la proposta!
annap
2014-11-12 15:54
Anzi aggiungo anche che si potrebbe avanzare l'ipotesi di tre ore settimanali di informatica perchè due sono veramente poche!!!
annap
2014-11-12 15:56
Anzi aggiungo anche che si potrebbe avanzare l'ipotesi di tre ore settimanali di informatica perchè due sono veramente poche!!!
annap
2014-11-12 15:56
Un approccio serio e sistematico, che risponde alle esigenze della scuola e della società italiane.
Paolo Atzeni
Direttore del Dipartimento di Ingegneria
Università Roma Tre
PaoloAtzeni
2014-11-12 16:57
Un approccio serio e sistematico, che risponde alle esigenze della scuola e della società italiane.
Paolo Atzeni
Direttore del Dipartimento di Ingegneria
Università Roma Tre
PaoloAtzeni
2014-11-12 16:57
Proposta interessante, condivido!
rosaria.delia
2014-11-12 18:34
Proposta interessante, condivido!
rosaria.delia
2014-11-12 18:34
Supporto pienamente questa proposta, in quanto riconosce l'importanza del pensiero computazionale e propone una serie di attività mirate formare competenze essenziali per il futuro della società.

Giorgio Buttazzo
Docente di Ingegneria Informatica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.
giorbut
2014-11-12 18:47
Supporto pienamente questa proposta, in quanto riconosce l'importanza del pensiero computazionale e propone una serie di attività mirate formare competenze essenziali per il futuro della società.

Giorgio Buttazzo
Docente di Ingegneria Informatica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.
giorbut
2014-11-12 18:47
Supporto la proposta. Lavoro con i miei alunni al progetto CODING. Sono dell'idea che un'alfabetizzazione all'uso delle nuove tecnologia sia fondamentale sin dalla scuola primaria (se non prima). I bambini sono come delle spugne e vanno guidati ad utilizzare gli strumenti a loro  più congeniali nel modo giusto.
La scuola italiana deve guardare avanti!!!!!
 
AntoniettaFascia
2014-11-12 19:16
Supporto la proposta. Lavoro con i miei alunni al progetto CODING. Sono dell'idea che un'alfabetizzazione all'uso delle nuove tecnologia sia fondamentale sin dalla scuola primaria (se non prima). I bambini sono come delle spugne e vanno guidati ad utilizzare gli strumenti a loro  più congeniali nel modo giusto.
La scuola italiana deve guardare avanti!!!!!
 
AntoniettaFascia
2014-11-12 19:16
Condivido pienamente la proposta.
GraziaInformatica
2014-11-12 19:19
Condivido pienamente la proposta.
GraziaInformatica
2014-11-12 19:19
concordo e supporto la proposta
ivana.diluccio
2014-11-12 19:25
concordo e supporto la proposta
ivana.diluccio
2014-11-12 19:25
Pur essendo una semplice maestra (senza laurea ma che da sempre prova a non smettere di studiare, e che ha iniziato la propria personale formazione in campo informatico nel lontano 1993) supporto, anche con entusiasmo, questa prioposta perchè mi sembra realistica e realizzabile per la sua "vicinanza" al mondo della didattica quotidiana, realizzabile.
ElianaBaggini
2014-11-12 21:11
Pur essendo una semplice maestra (senza laurea ma che da sempre prova a non smettere di studiare, e che ha iniziato la propria personale formazione in campo informatico nel lontano 1993) supporto, anche con entusiasmo, questa prioposta perchè mi sembra realistica e realizzabile per la sua "vicinanza" al mondo della didattica quotidiana, realizzabile.
ElianaBaggini
2014-11-12 21:11
Pur essendo una semplice maestra (senza laurea ma che da sempre prova a non smettere di studiare, e che ha iniziato la propria personale formazione in campo informatico nel lontano 1993) supporto, anche con entusiasmo, questa prioposta perchè mi sembra realistica e realizzabile per la sua "vicinanza" al mondo della didattica quotidiana, realizzabile.
ElianaBaggini
2014-11-12 21:11
Pur essendo una semplice maestra (senza laurea ma che da sempre prova a non smettere di studiare, e che ha iniziato la propria personale formazione in campo informatico nel lontano 1993) supporto, anche con entusiasmo, questa prioposta perchè mi sembra realistica e realizzabile per la sua "vicinanza" al mondo della didattica quotidiana, realizzabile.
ElianaBaggini
2014-11-12 21:11
Supporto pienamente questa proposta, coerente con una visione moderna e di prospettiva di quali debbano essere il tipo di alfabetizzazione e le competenze informatiche necessarie nella scuola italiana di oggi, per i cittadini di oggi e di domani, a tutti i livelli. Apprezzo molto l'ispirazione al modello inglese, che a mio avviso la rende solida e in grado di ben funzionare anche nella realtà italiana.

Enrico Denti
Università di Bologna (Dipartimento di Informatica)
enrdenti
2014-11-12 22:22
Supporto pienamente questa proposta, coerente con una visione moderna e di prospettiva di quali debbano essere il tipo di alfabetizzazione e le competenze informatiche necessarie nella scuola italiana di oggi, per i cittadini di oggi e di domani, a tutti i livelli. Apprezzo molto l'ispirazione al modello inglese, che a mio avviso la rende solida e in grado di ben funzionare anche nella realtà italiana.

Enrico Denti
Università di Bologna (Dipartimento di Informatica)
enrdenti
2014-11-12 22:22
Approvo la proposta e mi rendo disponibile ad  una collaborazione per armonizzarla con le azioni del MIUR, sia in campo didattico che formativo.Inoltre propongo di spingersi ancora più in là e pensare assieme a percorsi su:
-sviulppo di app, sia per l'indubbia attrattività xi giovani,ma anche interessante per analisi di usabillità ed esperienze utente;
-basi di project management,essenziali in qualunque attività professionale e lavorativa.
christiandimaggio
2014-11-13 00:12
Approvo la proposta e mi rendo disponibile ad  una collaborazione per armonizzarla con le azioni del MIUR, sia in campo didattico che formativo.Inoltre propongo di spingersi ancora più in là e pensare assieme a percorsi su:
-sviulppo di app, sia per l'indubbia attrattività xi giovani,ma anche interessante per analisi di usabillità ed esperienze utente;
-basi di project management,essenziali in qualunque attività professionale e lavorativa.
christiandimaggio
2014-11-13 00:12
Sostengo la proposta. L'insegnamento del pensiero computazionale ed algoritmico forma protagonisti nella società dell'informazione.  L'informatica è una scienza appassionante, richiede capacità creative e tanta fantasia. Troppo spesso oggi la scuola la presenta erroneamente con noiosi corsi di assuefazione tecnologica all'uso di strumenti. Così si formano spettatori del mondo dell'informazione, con dipendenze culturali ed economiche! Occorre cambiare.
renzodavoli
2014-11-13 10:37
Sostengo la proposta. L'insegnamento del pensiero computazionale ed algoritmico forma protagonisti nella società dell'informazione.  L'informatica è una scienza appassionante, richiede capacità creative e tanta fantasia. Troppo spesso oggi la scuola la presenta erroneamente con noiosi corsi di assuefazione tecnologica all'uso di strumenti. Così si formano spettatori del mondo dell'informazione, con dipendenze culturali ed economiche! Occorre cambiare.
renzodavoli
2014-11-13 10:37
Approvo pienamente questa proposta. Penso che costituisca un passo fondamentale affinché le nuove generazioni crescano con la coscienza dell'informatica come potente strumento di lavoro, comprensione, conoscenza. Apprezzo in particolare il percorso per costruire il "pensiero computazionale", che può avere ricadute positive anche nel modo di ragionare e nell'approccio alle materie scientifiche.

Claudio Sartori
Università di Bologna (Dipartimento di Informatica)
ClaudioSartori
2014-11-13 11:10
Approvo pienamente questa proposta. Penso che costituisca un passo fondamentale affinché le nuove generazioni crescano con la coscienza dell'informatica come potente strumento di lavoro, comprensione, conoscenza. Apprezzo in particolare il percorso per costruire il "pensiero computazionale", che può avere ricadute positive anche nel modo di ragionare e nell'approccio alle materie scientifiche.

Claudio Sartori
Università di Bologna (Dipartimento di Informatica)
ClaudioSartori
2014-11-13 11:10
Supporto questa proposta. L'informatica deve essere insegnata per i suoi aspetti culturali e scientifici e non soltanto come applicazione e uso di tecnologie. Resta il problema delle competenze che certo non possono essere improvvisate o lasciate alla buona volontà degli insegnanti.
Aurelia De Mango
docente di Informatica
 IIS Dell'Olio - Bisceglie
aureliademango
2014-11-13 11:17
Supporto questa proposta. L'informatica deve essere insegnata per i suoi aspetti culturali e scientifici e non soltanto come applicazione e uso di tecnologie. Resta il problema delle competenze che certo non possono essere improvvisate o lasciate alla buona volontà degli insegnanti.
Aurelia De Mango
docente di Informatica
 IIS Dell'Olio - Bisceglie
aureliademango
2014-11-13 11:17
Supporto con convinzione questa proposta, che va nella direzione di una scuola moderna e capace di preparare i futuri cittadini a interagire meglio e con maggiore consapevolezza con le tecnologie dell'informazione. E' ormai evidente che per questa missione non è sufficiente affidarsi ad iniziative varie e disparate, ma è la scuola che deve avere un ruolo primario, con un'azione organica e sistematica.

Andrea De Lucia - Università di Salerno
andreadelucia
2014-11-13 12:58
Supporto con convinzione questa proposta, che va nella direzione di una scuola moderna e capace di preparare i futuri cittadini a interagire meglio e con maggiore consapevolezza con le tecnologie dell'informazione. E' ormai evidente che per questa missione non è sufficiente affidarsi ad iniziative varie e disparate, ma è la scuola che deve avere un ruolo primario, con un'azione organica e sistematica.

Andrea De Lucia - Università di Salerno
andreadelucia
2014-11-13 12:58
Aderisco pienamente alla proposta.

Alberto Montresor
Coordinatore dei Corsi di Studio del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'Informazione dell'Università di Trento
montreso
2014-11-13 13:23
Aderisco pienamente alla proposta.

Alberto Montresor
Coordinatore dei Corsi di Studio del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'Informazione dell'Università di Trento
montreso
2014-11-13 13:23
approvo la proposta. Spero che sia sviluppata con esempi e sperimentazioni
F. Cinotti - UNINT Roma
FlaviaCinotti
2014-11-13 15:33
approvo la proposta. Spero che sia sviluppata con esempi e sperimentazioni
F. Cinotti - UNINT Roma
FlaviaCinotti
2014-11-13 15:33
Sottoscrivo questa proposta condividendone gli obiettivi 
gildabarone
2014-11-13 17:20
Sottoscrivo questa proposta condividendone gli obiettivi 
gildabarone
2014-11-13 17:20
Il pensiero computazionale non è una prerogativa da ingegneri. Studiare un algoritmo per risolvere un problema, non è un fatto "tecnico". Al contrario occorre molta cultura e una flessibilità mentale che metta insieme competenze provenienti da tutte le sfere, anche quelle umanistiche.
Anzi, direi che è uno strumento importantissimi per avviare il SUPERAMENTO della divisione dei saperi, un mostro che ha fatto e fa ancora tanto danno
giuliopicciolini
2014-11-13 17:53
Il pensiero computazionale non è una prerogativa da ingegneri. Studiare un algoritmo per risolvere un problema, non è un fatto "tecnico". Al contrario occorre molta cultura e una flessibilità mentale che metta insieme competenze provenienti da tutte le sfere, anche quelle umanistiche.
Anzi, direi che è uno strumento importantissimi per avviare il SUPERAMENTO della divisione dei saperi, un mostro che ha fatto e fa ancora tanto danno
giuliopicciolini
2014-11-13 17:53
Concordo e supporto la proposta
lauraconsole
2014-11-13 18:45
Concordo e supporto la proposta
lauraconsole
2014-11-13 18:45
Da anni collaboro con insegnanti di varia formazione e livello scolastico, proponendo una diversa visione dell'informatica e ho potuto verificare l'entusiasmo e l'esigenza di affrontare questa disciplina secondo una prospettiva culturale e non meramente strumentale. I recenti sviluppi del dibattito internazionale suggeriscono che anche in Italia e' il momento di avviare un'approfondita riflessione sul ruolo educativo di una prospettiva computazionale per tutti.
ClaudioMirolo
2014-11-13 19:00
Da anni collaboro con insegnanti di varia formazione e livello scolastico, proponendo una diversa visione dell'informatica e ho potuto verificare l'entusiasmo e l'esigenza di affrontare questa disciplina secondo una prospettiva culturale e non meramente strumentale. I recenti sviluppi del dibattito internazionale suggeriscono che anche in Italia e' il momento di avviare un'approfondita riflessione sul ruolo educativo di una prospettiva computazionale per tutti.
ClaudioMirolo
2014-11-13 19:00
Favorevole!
Partecipo al Coding con ottimi risultati. Ovvio che i ragazzi debbano essere opportunamente guidati da docenti competenti. Disponibile a collaborare per produrre un'attività concreta nella Scuola
MR
2014-11-13 19:40
Favorevole!
Partecipo al Coding con ottimi risultati. Ovvio che i ragazzi debbano essere opportunamente guidati da docenti competenti. Disponibile a collaborare per produrre un'attività concreta nella Scuola
MR
2014-11-13 19:40
Supporto la proposta di Barbara Demo con grande entusiasmo
gabriellabrocchiero
2014-11-13 20:10
Supporto la proposta di Barbara Demo con grande entusiasmo
gabriellabrocchiero
2014-11-13 20:10
approvo in toto la proposta
aldoenzocuffaro
2014-11-13 21:02
approvo in toto la proposta
aldoenzocuffaro
2014-11-13 21:02
Supporto pienamente questa proposta
Antonietta Lanza
Dipartimento di Informatica - Università di Bari
AntoniettaLanza
2014-11-13 22:50
Supporto pienamente questa proposta
Antonietta Lanza
Dipartimento di Informatica - Università di Bari
AntoniettaLanza
2014-11-13 22:50
Penso che sia importante che gli studenti capiscano che gli algoritmi sono alla base del loro mondo perché questo fornirà loro una chiave di lettura della realtà fondamentale per poter essere un cittadino attivo.

 
stefi.quattro
2014-11-13 23:40
Penso che sia importante che gli studenti capiscano che gli algoritmi sono alla base del loro mondo perché questo fornirà loro una chiave di lettura della realtà fondamentale per poter essere un cittadino attivo.

 
stefi.quattro
2014-11-13 23:40
Approvo e supporto
MicheleGazzo
2014-11-14 00:36
Approvo e supporto
MicheleGazzo
2014-11-14 00:36
Mi occupo di programmazione da quando non avevo ancora 16 anni di età. Oggi ne ho 52, sono ing. elettronico indirizzo informatico e insegno con diletto informatica nella scuola secondaria, ma ho svolto numerosi "mestieri" nell'ambito ingegner-informatico.
Ritengo lo sviluppo del pensiero computazionale una imprescindibile esigenza formativa dei giovani per la vita prima che per la professione. L'abitudine ad usare il cervello è sempre una carta vincente !!!
Antonio Del Casale
2014-11-14 08:22
Mi occupo di programmazione da quando non avevo ancora 16 anni di età. Oggi ne ho 52, sono ing. elettronico indirizzo informatico e insegno con diletto informatica nella scuola secondaria, ma ho svolto numerosi "mestieri" nell'ambito ingegner-informatico.
Ritengo lo sviluppo del pensiero computazionale una imprescindibile esigenza formativa dei giovani per la vita prima che per la professione. L'abitudine ad usare il cervello è sempre una carta vincente !!!
Antonio Del Casale
2014-11-14 08:22
Supporto la proposta come mamma, informatica e docente.
Hillary
2014-11-14 08:49
Supporto la proposta come mamma, informatica e docente.
Hillary
2014-11-14 08:49
Condivido l'approccio, meno la scelta di non includere anche l'alfabetizzazione digitale, come nel curriculum inglese.
Credo sia invece importante includere in modo organico le competenze digitali di base come descritte ad esempio dal modello europeo legato al progetto Digicomp e che vanno dall'information literacy alla capacità di creazione dei contenuti, oltre che alla gestione della privacy, della sicurezza.
NelloIacono
2014-11-14 10:04
Condivido l'approccio, meno la scelta di non includere anche l'alfabetizzazione digitale, come nel curriculum inglese.
Credo sia invece importante includere in modo organico le competenze digitali di base come descritte ad esempio dal modello europeo legato al progetto Digicomp e che vanno dall'information literacy alla capacità di creazione dei contenuti, oltre che alla gestione della privacy, della sicurezza.
NelloIacono
2014-11-14 10:04
Supporto la proposta di Barbara Demo con grande entusiasmo.
gabriellabrocchiero
2014-11-14 10:32
Supporto la proposta di Barbara Demo con grande entusiasmo.
gabriellabrocchiero
2014-11-14 10:32
E' indubbia l'esigenza di rivisitare il sistema educativo mettendolo al passo del sistema sociale ed economico, connotato da innovazione continuativa e crescente complessità. 
Per questo occorre basare l'insegnamento su discipline con valore a lungo termine
Uno spazio di formazione integrata che interconnetta logica, matematica e informatica, in particolate nelle filiere formative dell’Istruzione Superiore ha queste caratteristiche.
 
PierPaolo Maggi
2014-11-14 10:43
E' indubbia l'esigenza di rivisitare il sistema educativo mettendolo al passo del sistema sociale ed economico, connotato da innovazione continuativa e crescente complessità. 
Per questo occorre basare l'insegnamento su discipline con valore a lungo termine
Uno spazio di formazione integrata che interconnetta logica, matematica e informatica, in particolate nelle filiere formative dell’Istruzione Superiore ha queste caratteristiche.
 
PierPaolo Maggi
2014-11-14 10:43
concordo pienamente con la proposta
matteogiancaspro
2014-11-14 12:44
concordo pienamente con la proposta
matteogiancaspro
2014-11-14 12:44
Sostengo in pieno quanto proposto.
 
rossanogaeta
2014-11-14 15:46
Sostengo in pieno quanto proposto.
 
rossanogaeta
2014-11-14 15:46
Approvo  la proposta
RenataManzone
2014-11-14 18:58
Approvo  la proposta
RenataManzone
2014-11-14 18:58
Ottima proposta. Formare docenti, valorizzare le competenze esistenti  e strutturare percorsi... iniziare dalla Scuola Primaria. 
 
enricaelenapierini
2014-11-14 20:20
Ottima proposta. Formare docenti, valorizzare le competenze esistenti  e strutturare percorsi... iniziare dalla Scuola Primaria. 
 
enricaelenapierini
2014-11-14 20:20
Aderisco pienamente alla proposta. Continuità con la sperimentazione Informatica primo Biennio del Progetto M.I.U.R. "Problem Posing and Solving nel Sistema Educativo". ITT Giordani - Striano Napoli.Coding in Scratch e Python 3 secondo la metodologia di M.I.T "Creative Learning: Project, Peer, Play, Passion" e la "Pair Programming)" e attività per lo sviluppo del pensiero computazionale.
michele.ioffredo
2014-11-14 20:30
Aderisco pienamente alla proposta. Continuità con la sperimentazione Informatica primo Biennio del Progetto M.I.U.R. "Problem Posing and Solving nel Sistema Educativo". ITT Giordani - Striano Napoli.Coding in Scratch e Python 3 secondo la metodologia di M.I.T "Creative Learning: Project, Peer, Play, Passion" e la "Pair Programming)" e attività per lo sviluppo del pensiero computazionale.
michele.ioffredo
2014-11-14 20:30
Approvo da padre, genitore affidatario,  docente,  mentor di CoderDojo, con ricerca universitaria e tavole rotonde. Disponibile a collaborare.
 
FrancescoMaiorana
2014-11-14 21:32
Approvo da padre, genitore affidatario,  docente,  mentor di CoderDojo, con ricerca universitaria e tavole rotonde. Disponibile a collaborare.
 
FrancescoMaiorana
2014-11-14 21:32
Concordo con la proposta, aggiungo MIT App Inventor come strumento di PC.
Sottolineo la necessità che le nostre istituzioni credano in questo percorso, investendovi risorse per la sua attuazione.
I Coderdojo, a cui do il mio personale contibuto, sono iniziative belle, utili ed importanti, ma la politica deve fare la sua parte.
 
MaurizioBoscaini
2014-11-14 22:30
Concordo con la proposta, aggiungo MIT App Inventor come strumento di PC.
Sottolineo la necessità che le nostre istituzioni credano in questo percorso, investendovi risorse per la sua attuazione.
I Coderdojo, a cui do il mio personale contibuto, sono iniziative belle, utili ed importanti, ma la politica deve fare la sua parte.
 
MaurizioBoscaini
2014-11-14 22:30
Insegno A042-Cerco di proporre una didattica che tenga conto delle mutate esigenze e che stimoli all'apprendimento dell'INFORMATICA e nn dell'Office sutomation ed altro. Grazie è importante proporre ed affernare cambiamenti in tal senso.
MariateresaTurtoro
2014-11-15 06:55
Insegno A042-Cerco di proporre una didattica che tenga conto delle mutate esigenze e che stimoli all'apprendimento dell'INFORMATICA e nn dell'Office sutomation ed altro. Grazie è importante proporre ed affernare cambiamenti in tal senso.
MariateresaTurtoro
2014-11-15 06:55
Vorrei che si trovasse però il mdo di collegare esplicitamente alla metodologia del problem solving l'attività di coding nel primo ciclo e che si desse spazio ad una parallela attività con linguaggi testuali accessibili. Il linguaggio visuale , a mio parere, non può da solo agevolare la necessaria capacità di astrazione che ad esempio la scrittura (vedi il sempre attuale Logo anche nelle versioni Java etc..) di una procedura richiede/produce ad un tempo. Ok al sostegno.
Antonino Barrera
2014-11-15 15:18
Vorrei che si trovasse però il mdo di collegare esplicitamente alla metodologia del problem solving l'attività di coding nel primo ciclo e che si desse spazio ad una parallela attività con linguaggi testuali accessibili. Il linguaggio visuale , a mio parere, non può da solo agevolare la necessaria capacità di astrazione che ad esempio la scrittura (vedi il sempre attuale Logo anche nelle versioni Java etc..) di una procedura richiede/produce ad un tempo. Ok al sostegno.
Antonino Barrera
2014-11-15 15:18
Concordo pienamente con la proposta della prof. Demo. Auspico un percorso comune di educazione al Pensiero Computazionale in tutti gli indirizzi di studio fino al primo biennio delle scuole secondarie superiori, coprendo anche gli indirizzi dove attualmente non è previsto.

Giuseppe Bizzarri
Docente - Liceo "Curie" - Giulianova
 
GiuseppeBizzarri
2014-11-15 16:34
Concordo pienamente con la proposta della prof. Demo. Auspico un percorso comune di educazione al Pensiero Computazionale in tutti gli indirizzi di studio fino al primo biennio delle scuole secondarie superiori, coprendo anche gli indirizzi dove attualmente non è previsto.

Giuseppe Bizzarri
Docente - Liceo "Curie" - Giulianova
 
GiuseppeBizzarri
2014-11-15 16:34
Condivido pienamente e sostengo la proposta della prof.ssa Demo per introdurre il pensiero computazionale a partire dalla scuola primaria.
Grazie per il lavoro svolto.
Maurizia Gai
2014-11-15 19:01
Condivido pienamente e sostengo la proposta della prof.ssa Demo per introdurre il pensiero computazionale a partire dalla scuola primaria.
Grazie per il lavoro svolto.
Maurizia Gai
2014-11-15 19:01
ottima proposta e grande barbara demo coordinatrice bravissima
anna71
2014-11-15 23:50
ottima proposta e grande barbara demo coordinatrice bravissima
anna71
2014-11-15 23:50
Sono pienamente d'accordo. Vivo in Gran Bretagna e lavoro nell'ambiente scolastico educativo. Il curriculum inglese funziona ed e' tecnologicamente molto piu' avanzato. Il sistema digitale viene usato nelle scuole gia' dai primi anni di infanzia. Viviamo in un'era dove la tecnologia digitale e' in continuo sviluppo, il curriculum scolastico deve essenzialmente tenere questo in considerazione.
susigas2@aol.com
2014-11-16 14:47
Sono pienamente d'accordo. Vivo in Gran Bretagna e lavoro nell'ambiente scolastico educativo. Il curriculum inglese funziona ed e' tecnologicamente molto piu' avanzato. Il sistema digitale viene usato nelle scuole gia' dai primi anni di infanzia. Viviamo in un'era dove la tecnologia digitale e' in continuo sviluppo, il curriculum scolastico deve essenzialmente tenere questo in considerazione.
susigas2@aol.com
2014-11-16 14:47
concordo
mariapiabonardi
2014-11-16 19:34
concordo
mariapiabonardi
2014-11-16 19:34

Le risposte più popolari

  • arabbone

    04-11-2014    |    18:58

  • brapacc

    05-11-2014    |    06:15